Macchie e odore di Sudore? Trattale in modo corretto

Con il passare del tempo, le macchie di sudore possono diventare permanenti e assumere una tonalità di colore più scura. Sui vestiti bianchi le macchie di sudore tendono a comparire in modo più evidente rispetto a quanto avviene sui capi colorati.

Per il lavaggio a secco è opportuno pretrattare il capo con un prodotto specifico che va lasciato agire. SMACK SUEAT (500 ml o 10 kg), è uno smacchiatore che elimina in modo efficace le macchie mal’odoranti quali il sudore. Agisce in profondità senza lasciare aloni infatti può essere utilizzato anche come smacchiatore dopo il lavaggio a secco!

COME SI UTILIZZA? Grazie alla forma del beccuccio che permette di non sprecare alcuna goccia, versa il prodotto direttamente sulla macchia, lascia agire qualche minuto e strofina delicatamente con un tampone di cotone, ripeti l’operazione per ottenere un risultato migliore. In alternativa vaporizzare SMACK SUEAT sulle macchie con la presmacchiatrice, dopodichè procedere al lavaggio in percloroetilene. Per i capi in lana farli  asciugare prima di metterli in macchina.

COME ELIMINO L’ODORE DI SUDORE? Prima di procedere al lavaggio aggiungi BIOSANTEX (disponibile da 1 kg o da 25 kg) oltre a svolgere un azione sanitizzare, è in gradi di neutralizzare gli odori ostinati dai tessuti. Nebulizza direttamente nella parte interessata e lascia agire qualche minuto, procedi quindi al lavaggio dell’indumento. Per neutralizzare gli odori puoi utilizzare Biosantex anche all’ultimo risciacquo insieme all’ammorbidente con un dosaggio da 0,5 a 2 gr per ogni litro.

Queste informazioni esprimono al meglio lo stato delle nostre attuali conoscenze ma sono da intendersi come indicazioni di carattere generale sul prodotto e sulla sua applicazione. La Essebi non può fornire garanzie sulla idoneità di impiego del prodotto in processi di cui non può verificarne le condizioni, in quanto sotto controllo dell’utilizzatore. È responsabilità dell’utilizzatore quindi verificare tale idoneità mediante lo svolgimento di test preliminari. Ogni informazione contenuta in questa Newsletter può essere rivista da Essebi a seguito di nuovi sviluppi e comunque non costituisce nessun obbligo giuridicamente rilevante nei suoi confronti.